Web Journalist

Come monitorare l'attività del tuo blog

Come monitorare un blog

in Strumenti per il giornalista di

Chi si occupa di digital marketing sa sicuramente come monitorare un blog, non basta scrivere, mettere online dei contenuti per spammarli nei gruppi social. E sebbene sia una tendenza piuttosto diffusa, va detto che chi fa copia e incolla di link à gogo nei gruppi social, senza nemmeno preoccuparsi di targettizzare gli utenti e i topic di riferimento, non ha alcuna conoscenza del lavoro che c’è dietro un blog costantemente controllato.

Come monitorare un blog

Partiamo col presupposto che ogni giornalista dovrebbe avere un suo blog personale. Imparare a monitorare un sito attraverso le analisi metriche potrà comprendere:

  • il comportamento dei lettori,
  • le pagine di destinazione,
  • le pagine di uscita,
  • le visualizzazioni
  • il tempo medio sulla pagina.

Ma non è tutto. Ad esempio la frequenza di rimbalzo, ovvero il numero di utenti che visitano il blog ed escono dalla pagina senza compiere ulteriori azioni, può aiutarci a capire come migliorare l’esperienza del lettore e quali contenuti sono più interessanti rispetto ad altri o se ci sono errori sul sito.

Due strumenti utili per monitorare l’attività del tuo blog

Google Webmaster Tool e in particolare Google Analytics sono strumenti gratuiti e davvero utili per monitorare un blog ovvero per individuare con quali query i lettori trovano i nostri articoli, la posizione media nella SERP e quali pagine sono più lette.

Ad esempio analizzare un range di tempo e confrontare i lettori nuovi e di ritorno può servirci a capire se i nostri contenuti fidelizzano i lettori o valutare se in quel periodo abbiamo scritto degli articoli legati a un interesse di tendenza del momento.

Molti giornalisti -e ammetto che anch’io ne faccio uso- utilizzano anche web app per controllare i trends della rete su determinati argomenti e pubblicare articoli su argomenti mainstream di maggior interesse nelle ultime ore.

Per monitorare un blog servono gli strumenti, ma ancor prima dei tool occorre un piano editoriale, una strategia di contenuti che andrebbe pianificata e scelta anche sulle metriche di riferimento.

Quindi ben vengano gli strumenti tecnici per migliorare i contenuti ma ancor prima dobbiamo comprendere il target:

  • Chi è il nostro lettore?
  • Quali sono i suoi interessi?

Questo non significa che dobbiamo scrivere ciò che le persone vorrebbero sentirsi dire, altrimenti il nostro lavoro come blogger e giornalisti sarebbe del tutto inutile. Dobbiamo imparare come scrivere un blog, immedesimarci nelle richieste del nostro lettore e chiederci:

  • Cosa cerca?
  • Cosa vuole sapere?
  • Stiamo fornendo le informazioni necessarie?

Se avremo fornito maggiori informazioni rispetto ai nostri competitor allora avremo buone opportunità per abbassare il bounce rate e aumentare i lettori di ritorno e il tempo medio di permanenza sulla pagina.

Qui basta saper rispondere alle 5W che ogni giornalista e web editor conosce. “Non c’è trucco e non c’è inganno”. Al primo posto c’è sempre il lettore e analizzando le keyword di ricerca o le query possiamo capire quali informazioni sta cercando e come trovare risposta alle sue domande.

Nel monitoraggio di un blog, infine, non possiamo dimenticare di dire che il vero lavoro inizia dopo la pubblicazione. È solo dopo aver pubblicato un blogpost che dovremo controllare gli eventuali cambiamenti e valutare se seguire con un altro articolo o fare degli aggiornamenti sullo stesso post.

Un’attenzione a parte poi dovremo riservare per i backlink, i link provenienti da altri siti che possono migliorare le web reputation del blog o peggiorarla se sono di pessima qualità. Gli eventuali errori 404 o link errati che non facilitano una buona user experience e rimuoverli o creare un reindirizzamento 301 se stiamo semplicemente spostando un link. Ancora, gli strumenti di Google saranno utili per controllare il lavoro diciamo “più tecnico” ma al di là di monitorare le visite, il vero lavoro di statistiche del sito risponde solo a una domanda: Stai fornendo informazioni utili al lettore?

Summary
Come monitorare un blog
Article Name
Come monitorare un blog
Description
Una lista di strumenti indispensabili per monitorare il blog e non perdere di vista il traffco dei lettori sulle pagine e sui social
Author
Publisher Name
GiusyRaco.it
Publisher Logo
Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultime dal Blog

Torna su